Contatti tel. 06/87191734 - info@imperiumtour.it

Cassino – Eccezionale scoperta di resti archeologici di epoca romana nei pressi del Teatro Romano

Cassino – Eccezionale scoperta di resti archeologici di epoca romana nei pressi del Teatro Romano

CASSINO – “Nel programma di interventi di pulizia delle aree verdi in questi giorni era calendarizzato l’intervento nell’area archeologica e più precisamente nella zona al lato del Teatro Romano di Cassino. Una pulizia radicale con la potatura degli arbusti, il taglio dell’erba sui cigli della strada e la rimozione di rifiuti, abbandonati da cittadini evidentemente poco civili, su alcuni sentieri che insistono nell’area oggetto di intervento.

Sin qui nulla di eccezionale, ma quello che era un semplice intervento di manutenzione si è rivelato in realtà un evento eccezionale perché grazie alla pulizia effettuata sono riaffiorati alla luce, oltre che sentieri naturali magnifici, quelli che possiamo definire dei veri e propri reperti storici – ha dichiarato l’assessore alla manutenzione Gino Ranaldi – Parliamo di resti di colonne, capitelli, lapidi funerarie e vasche riconducibili ad epoca romana, oltre che mura ed una grotta al termine di uno dei sentieri.

Dei ritrovamenti abbiamo avvisato immediatamente i Beni Culturali che hanno eseguito con i tecnici del Comune un sopralluogo sull’area. Nei prossimi giorni proseguiranno gli interventi per riportare completamente alla luce questi reperti. L’intenzione, così come avvenuto a seguito della pulizia dei sentieri della ‘Vecchia Cassino’, è quella di valorizzare quei percorsi ed i resti che grazie all’opera di pulizia e di bonifica effettuata sono riemersi alla luce.

Trattandosi di ritrovamenti di immenso valore storico prima facie, è ovvio che l’iter per la pulizia e la risistemazione degli stessi dovrà avvenire con l’ausilio di esperti del settore. Quindi già nelle prossime settimane proseguiranno i sopralluoghi con l’obiettivo di riposizionare all’interno dell’area stessa, accanto al Teatro Romano quindi, i resti di epoca romana rinvenuti al fine di inserirli in un percorso visitabile da cittadini e turisti.”